LA RACCOLTA RIFIUTI A COLOGNE E NEI PAESI VICINI

postato in: Disservizi, Senza categoria | 0

Alcuni mesi fa, nel corso di una seduta consigliare, gli amministratori comunali, arrampicandosi sui vetri, ci raccontarono appunto la storiella che la causa del calo della raccolta differenziata a Cologne era da attribuirsi a quei “mascalzoni” che dai paesi limitrofi abbandonavano “il loro sporco” nel nostro paese.

Inoltre dal Giornale di Brescia del 7 luglio 2016 a pag. 33 il Consigliere delegato all’ecologia dichiarava ” Il calo della differenziata è da ricollegare all’ aumento degli abbandoni, situazione analoga ad altri Comuni.”

Ebbene gli altri Comuni pubblicati in tabella hanno migliorato o mantenuto la percentuale di raccolta differenziata rispetto all’anno 2014.

E’ vero che alcuni Comuni hanno iniziato la raccolta differenziata porta a porta nel 2015 per cui rispetto al 2014 hanno gioco forza un saldo positivo.

Ma quelli che da anni attuano la raccolta differenziata porta a porta, secondo quello che sostengono i nostri amministratori, avrebbero dovuto trovarsi nelle stesse condizioni di Cologne, ovvero pieni di rifiuti abbandonati.

Invece in questi Comuni la percentuale si migliora, è pari o diminuisce di poco ed i livelli restano ben oltre la percentuale tanto sbandierata come obiettivo ultimo dei “DEMOLIAMO COLOGNE”.

Per cui ci chiediamo ma, solo Cologne è stato preso di mira da questo strano fenomeno?

O è la classica scusa per nascondere le proprie incapacità (dopo gli annunci a effetto della campagna elettorale con i RIFIUTI ZERO)?

In ogni caso raccontare balle non è degno di un amministrazione seria!

 

rifiuti-a-confronto

LA FARMACIA COMUNALE DI COLOGNE

postato in: Senza categoria | 0

La determina n.213 del 24 agosto  scorso,  che per ragioni di spazio abbiamo accorciato,  certifica le entrate per le casse comunali del primo anno (INTERO) di esercizio della farmacia comunale a due anni dall’ inaugurazione avvenuta ai primi di ottobre del 2014.

E’ un risultato importante in termini economici per il nostro Comune,  un grande risultato che dimostra, non avevamo alcun dubbio in proposito, la bontà di quell’ operazione compiuta dall’ Amministrazione della Civica Colognese, nonostante la strumentale e demagogica diffidenza di alcuni consiglieri comunali che all’epoca erano all’opposizone e dello scetticismo di alcuni personaggi,  incapaci gli uni e gli altri di cogliere i benefici di quel progetto a lungo termine.

Un risultato che ci inorgoglisce,  frutto di un impegno costante e mirato al bene della collettività, che ci consentì pure  di ridurre notevolmente l’impatto ambientale del piano di lotizzazione di quell’ area, che passò da 13.000 mq a 6.982 mq di superficie.

Grazie anche allo sforzo economico messo in campo dal gestore che ha realizzato una farmacia comunale senza eguali nell’ ovest bresciano ed al  servizio curato e garantito con orario continuato dalle ore 8,00 alle 20,00 il fatturato, facendo i debiti scongiuri,  è destinato a salire negli anni.

In un momento di grande sofferenza economica per gli enti locali, questo era il nostro obiettivo:  garantire  un servizio di prim’ordine e per le casse comunali introiti significativi  per i 25 anni di convenzione della farmacia comunale; alla scadenza dei quali, se le cose non CAMBIERANNO,  i locali e gli arredi resterranno al Comune come da contratto.

Per vedere la determina con gli importi fare clic sul documento che segue

farmacia-comunale

 

LA STORIELLA DEI RIFIUTI A COLOGNE

postato in: Senza categoria | 0

Viste le non poche fatture del II° semestre 2015  emesse dal Comune per i rifiuti che riportavano conferimenti di secco e di umido decisamente sballati, in data 11 aprile 2016 il nostro consigliere comunale, per avere un quadro più chiaro della problematica, chiedeva formalmente agli uffici comunali competenti e di conseguenza anche all’ amministrazione comunale,  i seguenti dati  relativi alla gestione dei rifiuti per l’anno 2015 :

  1. spesa delle utenze (domestiche e non) suddivisa tra parte fissa e parte variabile e distinta tra I° e II° semestre.
  2. il numero totale dei conferimenti riferiti alla parte variabile suddivisi tra utenze (domestiche e non)  e distinti tra I° e II° semestre.

Non avendo ottenuto quanto richiesto prima del consiglio comunale del 30 aprile scorso, nel quale si sarebbe discusso  tra l’ altro della  gestione rifiuti 2015 e del preventivo di spesa per il 2016 (ecco perchè erano decisamente utili i dati richiesti per un confronto efficace e trasparente), il nostro consigliere nella stessa seduta rifece la richiesta.

L’amministrazione comunale, per bocca del consigliere delegato all’ecologia,  lo rassicurò dicendo che la settimana successiva avrebbe avuto i dati richiesti.

EBBENE SONO PASSATI  50 GIORNI DA QUEL 30 APRILE  E SIAMO ANCORA IN ATTESA DEI DATI !!!

Per una corretta informazione, sulla gestione dei rifiuti a Cologne, abbiamo preparato un volantino  che distribuiremo  alla popolazione con le dovute precisazioni e che potete visualizzare facendo un click sul documento sotto riportato.

VOLANTINO RIFIUTI 06_2016(1)

SCUOLE E PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO

postato in: Senza categoria | 0

SCUOLE ELEMENTARI: 2.000.000 DI EURO SPRECATI!

Spendere 2 milioni di euro per ristrutturare la vecchia scuola elementare è una follia degna di amministratori incapaci e incompetenti.

E’ UN RITORNO AL PASSATO, ALTRO CHE CAMBIAMENTO!

Questo vecchio edificio è ormai obsoleto e la sua ristrutturazione non risolverebbe i problemi di sicurezza, di capienza, di fruibilità e di manutenzione sperperando i soldi dei cittadini, con l’aggravante che fra 5-10 anni ci ritroveremmo con gli stessi problemi.

NOI NON CI STIAMO!

Perché non è stato posto un questionario relativo a questo importante intervento?

(come per i rifiuti o per la nuova variante al P.G.T.)

Il bando regionale di finanziamento delle scuola pubblica in attuazione all’art.10 del D.L. 12 settembre 2013 N. 104, prevede tra l’altro anche :

“Interventi di costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici.”

E per i comuni, il bando riporta che, il contributo regionale a fondo perduto:

“Non può superare l’ 80% del progetto fino ad un massimo di € 5.000.000”,

cifra adeguata per la costruzione della nuova scuola elementare.

Attingere al mutuo regionale sarebbe stata e comunque sarà per il futuro l’unica opportunità per risolvere il problema “scuola elementare” nei prossimi 50 anni considerando che, per un Comune come il nostro, è impossibile affrontare simili spese, senza i contributi a fondo perduto.

Perciò sarebbe un grave errore eliminare dal Piano di Governo del Territorio l’area già prevista dall’amministrazione della Civica colognese tra via Santa Maria e via Volta per la nuova scuola elementare senza averne individuata un’altra.

Ancora una volta i nostri amministratori si dimostrano poco lungimiranti e non si rendono conto che i soldi spesi da loro sono quelli di tutti i colognesi.

PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO

Di seguito riportiamo il testo integrale del paragrafo relativo alle scuole dell’infanzia statale e paritaria che l’amministrazione comunale ha inserito nel documento allegato alla delibera di consiglio comunale di mercoledì 25 novembre 2015 :

SCUOLE D’INFANZIA STATALE E PARITARIA

L’azione educativa svolta dalle Scuole d’Infanzia operanti nel territorio comunale rappresenta uno dei dati più vivi e significativi della nostra realtà scolastica.

L’Amministrazione Comunale intende rinnovare il suo impegno per generalizzare ed incentivare la frequenza alla Scuola dell’Infanzia Statale e non Statale senza alcuna discriminazione, purchè rispondenti alle reali esigenze locali e alla libera scelta educativa.

L’Amministrazione Comunale favorisce la frequenza alla Scuola d’Infanzia S. Antonio privata (riconosciuta scuola paritaria ai sensi della legge 10(03/2000 n. 62), che con grande impegno opera affinchè rappresenti per i bambini un ambiente educativo accogliente, decoroso ed adeguato, stanziando la somma di €. ………, quale contributo al suo sostegno e funzionamento.

Si è volutamente omessa la cifra perché ininfluente rispetto alla questione che solleviamo e per questo le parole sono state evidenziate rispetto al testo originale.

PERCHÉ L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DEVE FAVORIRE UNA SCUOLA RISPETTO AD UN’ALTRA?

NON DOVREBBE GARANTIRE L’ IMPARZIALITA’ ?

Solo la scuola dell’Infanzia privata rappresenta un ambiente educativo accogliente, decoroso ed adeguato e quella Statale cosa rappresenta ?

Equilibrio ed equidistanza sono caratteristiche che dovrebbero contraddistinguere i buoni amministratori. Purtroppo anche in questa occasione non si sono dimostrati tali, discriminando in modo palese utenti e operatori della Scuola dell’Infanzia Statale.

ILLUMINAZIONE PARCHEGGIO COMUNALE: UNA SPESA INUTILE !

postato in: Senza categoria | 0

luci parcheggio municipio

E’ proprio necessario spendere buona parte dei 15.000 euro che l’amministrazione comunale ha stanziato per rifare l’illuminazione al parcheggio del Comune !!!!!.

Non era meglio terminare il lavoro che la nostra amministrazione aveva iniziato per completare la sostituzione dei corpi illuminanti in quelle poche vie scarsamente illuminate ma, inizialmente escluse dalla ditta Cofely,

Una maggiore cura nel taglio dei rami e delle foglie darebbe immeditamente al parcheggio del Municipio un aspetto decisamente più gradevole, guadagnerebbe in luminosità e toglierebbe anche le eventuali zone d’ ombra.

In questo momento non è una spesa necessaria !!!

Sul Giornale di Brescia del 15 novembre scorso il sindaco risolve l’equazione “Più luce = più sicurezza”.

Ma se maggiore illuminazione = più sicurezza allora l’amministrazione della Civica Colognese meriterebbe il Nobel per la Matematica perché ha risolto non una ma 1000 equazioni in un sol colpo con la nuova illuminazione pubblica del paese.

Per coloro che se ne fossero dimenticati, fu l’attuale sindaco, nel famoso incontro al teatro parrocchiale con i candidati sindaci, che all’affermazione dell’allora sindaco Verzeletti: “ il paese è più sicuro perchè meglio illuminato” rispose, con malcelato sarcasmo, che Cologne “era illuminata come un autodromo!!!” e che la nuova illuminazione della pista ciclo-pedonale sotto Monte “gli ricordava il lungo Senna!!!“.

Non ci aspettavamo i complimenti, che peraltro gran parte della cittadinanza ci rivolge ancora oggi,  ma con quelle infelici battute sminuiva il nostro operato come la storiella de: ” i soldi ci sono basta sapere ….

Ora il sindaco di Cologne può anche dichiarare che il paese diventerà più sicuro grazie agli interventi della sua amministrazione, ma la Civica Colognese per ciò che ha fatto in termini di Illuminazione e sicurezza, rivendicherà orgogliosamente e opportunamente i propri meriti con le dovute precisazioni del caso.

TARIFFA RIFIUTI : ALTRO AUMENTO PER I COLOGNESI

postato in: Senza categoria, Tariffe e Servizi | 0

NEGLI ULTIMI 5 ANNI, PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI A COLOGNE, CON L’ AMMINISTRAZIONE DELLA CIVICA COLOGNESE SONO STATI SPESI (IN COSTANTE CALO):

ANNO 2011 EURO 860.088,00 CON IL VECCHIO METODO DI RACCOLTA IN VIGORE FINO AL 31 MARZO 2012

ANNO 2012 EURO 763.251,01 CON IL NUOVO METODO INIZIATO IL 2 APRILE 2012

ANNO 2013 EURO 656.402,39

ANNO 2014 EURO 638.013,00

CON LA NUOVA AMMINISTRAZIONE:

ANNO 2015 EURO 675.275,50

CON IL METODO DI RACCOLTA INTRODOTTO NEL 2012,  LA SPESA E’ SCESA REGOLARMENTE FINO AL 2014 E ANZICHE’ PROSEGUIRE LUNGO LA STRADA TRACCIATA  NEL 2015 LA SPESA AUMENTA, COME DA BILANCIO APPROVATO DALLA MAGGIORANZA NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 22 LUGLIO SCORSO.

LA CONSEGUENZA IMMEDIATA E’ L’AUMENTO DELLE TARIFFE DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER CUI :

DA QUEST’ ANNO A PARITA’ DI RIFIUTI PRODOTTI NEL 2013 E NEL 2014 LE FAMIGLIE COLOGNESI   PAGHERANNO DI PIU’ PER IL SECCO E PER L’UMIDO.

STESSA SORTE PER LE ATTIVITA’ COMMERCIALI, ARTIGIANALI ED INDUSTRIALI CON L’ ULTERIORE AGGRAVANTE DELL’ AUMENTO DELLA TARIFFA FISSA LEGATA ALLA SUPERFICIE DEI LOCALI ADIBITI ALL’ATTIVITA’.

DOPO L’ INTRODUZIONE DELLA TASI (NUOVA TASSA NON OBBLIGATORIA), UN ALTRO AUMENTO DELLE TASSE PER I CITTADINI  COLOGNESI !!!

L’ ATTUALE SINDACO, NELL’ ULTIMA CAMPAGNA ELETTORALE, AVEVA ILLUSO I CITTADINI CON L’ ORMAI CELEBRE FRASE: ” I SOLDI CI SONO, NOI SAPPIAMO DOVE ATTINGERE LE RISORSE “.

ABBIAMO VISTO: ANCORA UNA VOLTA  DALLE TASCHE DEI COLOGNESI !!!

ALLEGHIAMO UNA TABELLA ESPLICATIVA CON LE  TARIFFE AUMENTATE. (CLICCATE SU Tari_2015)

Tari_2015

 

 

I BAGOLARI DI VIA DEGLI ANGELI E IL VIERANGOL

postato in: Senza categoria | 0

Di seguito il testo della lettera inviata al Sindaco dal nostro consigliere comunale:

IL VIALE ALBERATO DI VIA DEGLI ANGELI CHE CONDUCE AI LAVATOI DEL “VIERANGOL” RAPPRESENTA INSIEME AI LAVATOI STESSI UN ANGOLO STORICO SOCIALE DEL NOSTRO PAESE.

QUESTA ZONA URBANIZZATA ALLA FINE DEGLI ANNI 80 È RIUSCITA A CONSERVARE, IN PARTE, ALCUNE DELLE CARATTERISTICHE DEL PASSATO FRA LE QUALI IL VIALE ALBERATO CON I BAGOLARI, OPPORTUNAMENTE RIPIANTATI E I LAVATOI CHE INEVITABILMENTE RIPORTANO ALLA MENTE SPACCATI DI VITA CHE ORMAI NON CI SONO PIÙ.

PER TRAMANDARE ALLE GENERAZIONI FUTURE UN PEZZO DI STORIA DEL NOSTRO PAESE È FONDAMENTALE CONSERVARE QUEL VIALE CON LE PROPRIE PIANTE E MANTENERE I LAVATOI IN PIETRA E LA TETTOIA IN METALLO.

ALL’OMBRA DI QUELLE PIANTE, “I RUMINGÌ”, GENERAZIONI DI MASSAIE COLOGNESI PERCORREVANO QUELLA STRADA FINO AI LAVATOI POSTI SULL’ARGINE DEL CANALE PER FAR BUCATO NELLA SARIOLA; ALL’OMBRA DI QUELLE PIANTE I CONTADINI, CHE LAVORAVANO QUEGLI APPEZZAMENTI DI TERRA, TROVAVANO IL REFRIGERIO NATURALE CONTRO LA CANICOLA ESTIVA.
TANTI COLOGNESI RICORDANO ANCOR OGGI CON AFFETTO, TENEREZZA ED UN PIZZICO DI NOSTALGIA QUESTO LUOGO CHE VA PRESERVATO E CURATO ATTRAVERSO L’ IMPEGNO DI TUTTI, CITTADINI E AMMINISTRATORI COMPRESI.

LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO E LA CONSERVAZIONE DEI LUOGHI E DELLE COSE DEL PASSATO PASSANO ATTRAVERSO DECISIONI AUTOREVOLI, CHE DEVONO TENERE CONTO DELL’INTERESSE GENERALE E NON DI QUELLO PARTICOLARE O INDIVIDUALE; E QUESTO È SENZA DUBBIO INTERESSE COLLETTIVO.
TRA L’ ALTRO IL PROBLEMA TECNICO È FACILMENTE RISOLVIBILE CON UNA SPESA MINIMA.

SONO CERTO DI RAPPRESENTARE IL PENSIERO DI TANTI CITTADINI E MI APPELLO A LEI, SIGNOR SINDACO, ALLA SUA SENSIBILITÀ ECOLOGICA, CHIEDENDO CHE GLI ALBERI IN QUESTIONE NON VENGANO TAGLIATI.

 

ECCO IL CAMBIAMENTO !

postato in: Opposizione-amministrazione | 0

1. I SOLDI CI SONO?
L’ attuale sindaco in campagna elettorale affermava ripetutamente, come da filmato presente in internet su YouTube dal titolo “VOCE AI SINDACI: COLOGNE”:

NON È VERO CHE I SOLDI NON CI SONO. NOI SAPPIAMO DOVE ATTINGERE LE RISORSE”.
Ora abbiamo capito come:
INTRODUCENDO LA TASI, UNA NUOVA TASSA COMUNALE NON OBBLIGATORIA.
Nel 2014 con l’amministrazione della Civica Colognese la TASI a Cologne non era stata applicata ma, non per questo il paese non era pulito e in ordine.
L’ attuale amministrazione ha introdotto la nuova tassa sulla prima casa per tutti, nessuno escluso. Cioè:

I SOLDI VENGONO PRESI DIRETTAMENTE DALLE TASCHE DEI COLOGNESI !

2. INVERSIONE DEL SENSO UNICO IN VIA UMBERTO I°.
Il traffico in uscita dal centro si riverserà inevitabilmente e pesantemente su VIA MARTINELLI che porta all’ associazione anziani, al cinema Parrocchiale, all’ oratorio ed alla casa di riposo.

3. ASILO NIDO COMUNALE: TARIFFE TROPPO CARE.
Al termine dell’anno scolastico 2013/2014 l’asilo nido, appena avviato, era frequentato da 24 bambini. La nuova amministrazione nell’anno scolastico 2014/2015 a fronte di 33 domande di iscrizione ne ha rifiutate ben 15 riducendo il numero di bambini a 18.
Per l’anno scolastico 2015/2016, a causa del forte aumento delle tariffe decise dalla nuova amministrazione, sono ovviamente crollate le domande d’ iscrizione : ad oggi ci sono solo 10 iscrizioni. Dunque prendiamo atto che a Cologne questa è la politica per la famiglia e nulla vien fatto per le mamme che lavorano.

Ci spiace, in conclusione, dover constatare con gli esempi soprariportati, ma l’elenco sarebbe lungo, che la nuova amministrazione stia portando il paese indietro di 30 anni anche con l’obiettivo di cancellare quanto fatto dalla precedente amministrazione della Civica Colognese, senza nessuna motivazione.

ALTRO CHE CAMBIAMENTO. UN PESANTE RITORNO AL PASSATO !

TASI: nuova tassa per i colognesi

postato in: Bilancio, Tariffe e Servizi | 0

Nel consiglio comunale di giovedì 21 maggio 2015 la maggioranza ha deciso di introdurre la TASI, nuova tassa che i cittadini colognesi pagheranno a partire dal 2015 con il primo acconto da versare già entro il 16 giugno prossimo.

Di seguito uno stralcio dell’ intervento del nostro consigliere che ha votato contro questo provvedimento:

La Civica Colognese aveva lasciato un paese pulito, ordinato e con le strade asfaltate ogni anno, senza introdurre la TASI.
Gli amministratori della Civica Colognese, per l’intero mandato, hanno risparmiato sulla spesa e investito in servizi per la comunità quali la nuova farmacia comunale, il nuovo asilo nido comunale (che state tentando di chiudere con una politica dissennata sulle tariffe) la cui spesa doveva essere finanziata con una parte degli introiti della farmacia comunale; la nuova illuminazione pubblica che nell’incontro con la popolazione al cinema parrocchiale, in campagna elettorale, fece dire all’attuale sindaco che “sembra di essere all’autodromo tanto sono illuminate le strade comunali” e che sotto monte “pare di essere sul lungo Senna”, con l’intento evidente di criticare e non certo di approvare le scelte operate, dall’amministrazione della Civica Colognese;

Oppure come la nuova raccolta rifiuti con l’ introduzione di un sistema assolutamente all’avanguardia rispetto al passato,fatto per premiare i cittadini che attuano la raccolta differenziata; o come la messa in totale sicurezza dell’entrata alle scuole medie per i nostri studenti che impediva alle auto di parcheggiare a pochi metri dall’ingresso del plesso scolastico, di fatto smantellata il giorno dopo che vi siete insediati.

E tante altre cose sono state fatte.

Nel famoso incontro a teatro, organizzato dalla Parrocchia, con i candidati sindaci a confronto sui rispettivi programmi, noi avevamo messo in guardia il pubblico presente sul fatto che, le risorse economiche per i comuni come il nostro, diminuiscono ogni anno perché lo Stato per contenere e ridurre il debito pubblico, opera dei tagli sui trasferimenti (meno soldi) agli Enti locali; inoltre il patto di stabilità non permette di spendere soldi già finanziati a bilancio.

Ebbene, nonostante il nostro candidato e sindaco uscente in quel confronto predicava prudenza, visto che per 5 anni aveva toccato con mano la problematica, LEI SIGNOR SINDACO AFFERMAVA, “imbrogliando i colognesi”, che  REPERIRE LE RISORSE ECONOMICHE PER VOI NON RAPPRESENTAVA DI CERTO UN PROBLEMA. SAPEVATE COME TROVARE I SOLDI !!!

Bene oggi ne abbiamo avuto la riprova “le risorse le reperite direttamente dalle tasche dei cittadini colognesi”, alzando l’aliquota IMU dello 0,10% per le abitazioni principali classificate nelle tipologie catastali  A/1, A/8 e A/9  unitamente alle relative pertinenze e introducendo per le tipologie catastali A/2 A/3 A/4 A/5 A/6 A/7 A/11 e relative pertinenze, la nuova tassa sull’ abitazione principale pari allo  0,13% , la TASI appunto, che pagheranno tutti i colognesi, per la maggior parte dei casi proprietari dell’immobile in cui abitano, siano essi poveri o ricchi, occupati o disoccupati, cassaintegrati o esodati, pensionati o in mobilità “.

 

 

 

La solidarietà agli amministratori

postato in: Senza categoria | 0

Piena solidarietà è stata espressa all’assessore Giuseppe Bonardi, vittima di minacce attraverso una lettera anonima, dal gruppo della Civica Colognese durante il consiglio comunale di giovedì 21 maggio scorso.

Nell’ occasione, il nostro consigliere ha ricordato anche ai componenti l’attuale consiglio comunale, che la stessa solidarietà avrebbero dovuto esprimerla, a suo tempo, anche le persone che allora sedevano nei banchi dell’opposizione e che oggi, in questa aula, ricoprono cariche istituzionali nel gruppo di maggioranza.

La violenza perpetrata nei confronti di un amministratore, sia esso sindaco, assessore o consigliere, impegnato a fare il proprio dovere, indipendentemente dallo schieramento politico, va condannata a prescindere, senza tentennamento alcuno.

Purtroppo questo non si può dire di quelle persone, che allora, ricoprendo la carica di consiglieri comunali, non dissero una sola parola di solidarietà nei confronti del sindaco e di tutta l’amministrazione della Civica Colognese, per le violenze verbali e fisiche subite in occasione dell’ormai tristemente noto consiglio comunale del 4 agosto 2011.

Al termine di quel turbolento consiglio, i consiglieri di maggioranza ed il sindaco, furono costretti a ripararsi fisicamente dalle centinaia di militanti della Lega Nord provenienti da tutta la Lombardia, all’interno dell’aula consigliare per più di un’ora e mezza ed il sindaco fu prelevato da 4 agenti della Digos e scortato fino alla propria abitazione. Quasi tutti i consiglieri di maggioranza lasciarono l’aula scortati dai carabinieri.

Anche allora, come oggi nel caso dell’assessore Bonardi, tutti i consiglieri comunali avrebbero dovuto portare immediatamente la propria solidarietà, all’amministrazione comunale, cosa non avvenuta nemmeno in seguito, nonostante le ripetute sollecitazioni in tal senso degli amministratori della Civica Colognese.

1 2 3 4 19