Sistemazione del Parco “Il Verziere”

postato in: Gli interventi, Lavori Pubblici | 0

Immagine

L’entrata nord del parco ” il Verziere” (via Facchetti) era diventata un luogo insicuro perché le canne di bambù, cresciute a dismisura occultavano la vista alle persone che frequentavano il parco nelle ore serali; le radici ormai sollevavano i muretti di cinta: è stato necessario intervenire per garantire più sicurezza ai frequentatori e per rendere l’entrata al parco più accessibile anche nelle ore serali.

La Nuova Farmacia Comunale

postato in: Lavori Pubblici, Urbanistica | 0

Sin dal suo insediamento, l’amministrazione, ha attivato tutte le azioni necessarie volte alla pubblicazione del bando per l’assegnazione della nuova sede farmaceutica nell’anno 2013. I tempi sarebbero stati gli stessi sia per la vecchia che per la nuova localizzazione, ritenuta più idonea e remunerativa a lungo termine per le casse comunali. Per tale fondamentale operazione bisognava avere pazienza e porre come obiettivo primario l’interesse della collettività per localizzazione ed entrate economiche.

Di seguito l’iter amministrativo che ha preceduto la pubblicazione del primo bando:

• 22 dicembre 2010: il comune chiede la prima revisione della pianta organica.

• 11 marzo 2011: il ricorso presentato dall’ordine dei farmacisti viene respinto.

• 16 maggio 2012 : la Regione con decreto di Giunta istituisce la seconda sede farmaceutica nel sito nel frattempo individuato dall’Amministrazione comunale.

• 20 agosto 2012: Il comune riceve notizia dell’offerta di prelazione con nota della Regione con invito ad esercitare la stessa entro 60 giorni.

• 27 settembre 2012: il Consiglio comunale ratifica il diritto di prelazione della nuova sede farmaceutica.

• 30 novembre 2012: tramite delibera la Giunta demanda ai reponsabili e al segretario di attuare la soluzione idonea per attivare la farmacia comunale.

• 22 marzo 2013 con scadenza 2 maggio viene pubblicato il primo bando di assegnazione

Gli atti ufficiali dimostrano in maniera inequivocabile l’assenza di ritardi procedurali. Il 13 marzo del 2014 la farmacia comunale è stata aggiudicata e nel giro di pochi mesi entrerà in funzione.Oltre al primario servizio sociale, una buona conduzione dell’attività consentirà, per tutta la durata del contratto (25 anni di convenzione) un’ entrata per le casse comunali non indifferente poiché buona parte di questi introiti sono legati al fatturato (per il comune stimati in circa 90.000/100.000 euro di entrata ogni anno). Senza contare che dal punto di vista logistico questa sede di via Peschiera, essendo all’interno di un’area commerciale in forte espansione, offre una serie di opportunità (parcheggi, distanza dalla farmacia storica del paese, bacino d’utenza più ampio, concreta possibilità che nel complesso possano insediarsi degli ambulatori medici).

Asilo Nido comunale

postato in: Gli interventi, Servizi sociali | 0

L’asilo nido comunale, in questo primo anno di attività, ha riscosso il consenso di tante famiglie. A pochi mesi dalla sua apertura, grazie anche alla gestione attenta e puntuale della cooperativa Franciacorta, da aprile 24 bambini frequentano il “Nido”.

L’importante servizio istituito per attuare una politica amministrativa rivolta alla famiglia, in particolar modo alle mamme che lavorano, si realizza in una nuovissima ed accogliente struttura, immersa nel verde di un parco già esistente ma poco frequentato e che è stato accuratamente preservato, realizzata grazie anche ad un contributo regionale a fondo perduto di circa 200.000 euro.

La costruzione, dalla linea architettonica moderna, dotata di struttura antisismica, risponde alle nuove disposizioni in materia di risparmio energetico essendo provvista di pannelli solari per riscaldare l’acqua e pannelli fotovoltaici per fornire l’energia elettrica. La struttura è in linea con le nuove disposizioni antisismiche. Dopo questi mesi di sperimentazione il servizio è idoneo, per cui la nuova struttura verrà inaugurata il 10 maggio prossimo essendosi concluse le iscrizioni al 30 di aprile 2014.

Salto di qualità nella raccolta rifiuti

postato in: Tariffe e Servizi | 0

La nuova raccolta dei rifiuti ha portato un risparmio per la collettività di 200.000 euro e sicuramente un paese più pulito. In meno di due anni siamo passati dal 48% di raccolta differenziata, ed una spesa di 860.000 euro, al 71% (dato ufficiale del 2013) con una spesa di 656.000 euro. Questo risultato è stato raggiunto grazie anche alla fattiva collaborazione dei cittadini colognesi. Il salto di qualità lo si deve anche alla determinazione con la quale l’Amministrazione comunale ha affrontato la questione dei rifiuti. La scelta del sistema di raccolta è stata preceduta da un ampio confronto con la cittadinanza, attraverso 2 assemblee pubbliche, durante le quali operatori esperti hanno illustrato 2 metodi diversi:

1. Il metodo

Arrowbio: consiste nella raccolta indifferenziata di ogni rifiuto, che viene raccolto in grandi vasche d’acqua e successivamente separato grazie alla forza di gravità (sistema sicuramente all’avanguardia ma poco praticabile per i costi non sopportabili da piccole realta’ come la nostra).

2. Il sistema

Vedelago, spiegato dalla dott.sa Carla Poli (titolare della società “Centro Riciclo Vedelago”) che per esssere attuato necessita di un consorzio di comuni con almeno 100.000 abitanti. Per capire la portata del risultato raggiunto a Cologne si pensi che, in un recente incontro pubblico, rispondendo ad un cittadino, l’esperto relatore ha quantificato la spesa per la raccolta ed il conferimento dei rifiuti di un comune delle nostre dimensioni attorno agli 800.000 euro! Per arrivare al rifiuto zero ci vogliono delle tappe intermedie, una delle quali è stata raggiunta grazie al sistema di raccolta scelto dalla nostra amministrazione, che ha permesso di arrivare al 71% di raccolta differenziata. Per poter puntare, in futuro, al rifiuto zero era quanto meno necessario fare questo salto di qualità nella raccolta dei rifiuti.

Illuminazione pista ciclabile sulla provinciale verso Coccaglio

postato in: Gli interventi, Lavori Pubblici | 0

illuminazione

illuminaizone3L’impianto di illuminazione della provinciale, dalla fermata fino al confine con Coccaglio, che consente di illuminare anche la pista ciclabile che fiancheggia la strada stessa, è stato adeguatamente rifatto nell’autunno del 2011.
Particolarmente curata è stata la scelta dei lampioni secondo il programma di miglioramento estetico dell’arredo urbano.

 

Lettera del Sindaco

postato in: Il Programma | 0

Patrono2011-(51)Gentile Cittadina, Egregio Cittadino,

la nostra preoccupazione in questi anni, per la prima volta amministratori di Cologne, è stata quella di rispondere nel migliore dei modi alle aspettative che i cittadini colognesi avevano riposto nella lista della Civica Colognese.

Ci presentiamo a questo appuntamento elettorale con una lista aggiornata e la ferma volontà di completare il rinnovamento avviato in questi anni.

Abbiamo affrontato l’esigenza di profondo rinnovamento con impegno e convinzione, seppur costantemente frenati dalla gravissima crisi che ha colpito pesantemente anche le disponibilità economiche dei comuni, che non possono nemmeno spendere i pochi soldi che hanno a disposizione per gli investimenti, a causa del vincolo del Patto di Stabilità conseguenza del debito che lo Stato italiano ha accumulato nei decenni scorsi. Nonostante queste difficoltà crediamo di avere raggiunto importanti risultati:

  • Il nuovo Asilo Nido all’avanguardia;
  • l’abbassamento della bretella Bre-Be-Mi dagli 8 metri di altezza previsti dal progetto, già in corso di realizzazione, a livello del suolo; la nuova raccolta rifiuti che ha portato la quota differenziata dal 49% al 71% e ad un paese più pulito, con un metodo tariffario che premia chi ottimizza la differenziazione;
  • la nuova illuminazione pubblica che mette a norma gli impianti completamente abbandonati dall’Enel, e impreziosisce il nuovo arredo urbano comprese le due piste ciclabili;
  • la ricomposizione del monumento ai caduti al suo aspetto originario, il riconoscimento individuale, consegnato direttamente, o ai parenti, dei cittadini colognesi che hanno partecipato alle due guerre mondiali;
  • l’istituzione della Festa Patronale, momento di aggregazione di tutta la collettività;
  • la celebrazione delle festività civili con conferenze e mostre, la giusta rilevanza data alla festa della Repubblica (2 giugno), la sfilata del 4 novembre e le tante iniziative organizzate nel 2011, per il 150° dell’Unità d’Italia;
  • l’istituzione del Museo Civico, essenziale per il recupero delle tradizioni e la salvaguardia del passato della nostra collettività;
  • Il divieto di aprire una Moschea nei locali ex Edera, sancito in via definitiva dal giudice al termine di un durissimo confronto legale;
  • l’importante revisione della viabilità e della sicurezza stradale, che ha risolto annosi problemi;
  • l’adozione di un Piano di Governo del Territorio all’avanguardia, oltre al Piano Particolareggiato del centro storico, analizzato dall’urbanista edificio per edificio, che incentiva gli interventi migliorativi estetico-urbanistici attraverso un incremento della cubatura;
  • l’impiego dei volontari per l’accesso degli alunni alle scuole;
  • la gestione del verde pubblico curata dalle associazioni;
  • la nuova farmacia comunale che certamente garantirà un servizio sociale di prim’ordine e assicurerà un’entrata economica non indifferente per le casse comunali.
  • La riduzione del pesante impatto ambientale degli edifici nell’area ex Edera attraverso la realizzazione di due viali alberati e la particolare colorazione, studiata gratuitamente da uno dei massimi specialisti italiani del settore.
  • Costante e attiva presenza sul territorio di assessori e consiglieri, coordinati dal sindaco e tanto altro che per motivi di spazio non possiamo elencare, ma che i cittadini possono vedere con i propri occhi.

Ma ciò che ci rende fieri è l’affermazione del ruolo dell’Amministrazione al servizio dei cittadini in modo imparziale e trasparente, autorevole e credibile.

Ma ciò che ci rende fieri è l’affermazione del ruolo dell’Amministrazione al servizio dei cittadini in modo imparziale e trasparente, autorevole e credibile.

Il rinnovamento è dunque stato avviato con decisione, in alcuni casi è stato portato a termine, in altri casi si è a metà dell’opera, come, ad esempio, per il problema degli uffici comunali: le leggi vigenti pongono mille ostacoli agli amministratori nella gestione del personale dipendente, che nel nostro comune è scarso di organico e sotto l’aspetto della qualità, in diversi casi non soddisfa le aspettative del cittadino: si è intervenuti con l’acquisizione di programmi di gestione all’avanguardia e la sostituzione di alcune figure, ma molto rimane da fare.

Ci presentiamo a questo appuntamento elettorale con una lista aggiornata e la ferma volontà di completare il rinnovamento avviato in questi anni.

 

I – Progetto Amministrativo

postato in: Il Programma | 0

Ogni cittadino deve essere consapevole che anche nei prossimi cinque anni i Comuni saranno chiamati ad operare in condizioni economico-finanziarie difficili, che porteranno lo Stato a ridurre i soldi che ogni anno trasferisce agli Enti locali. In ogni caso la Civica Colognese promuoverà la salvaguardia del territorio, la trasparenza e l’efficienza amministrativa, la qualità della vita e il recupero delle tradizioni del passato. Per attuare tutto questo è necessario:

• Coinvolgere la cittadinanza attraverso assemblee pubbliche inerenti tematiche rilevanti.

• Adottare un regolamento per effettuare Referendum popolari al fine di consentire ai cittadini ed alle associazioni una collaborazione nelle scelte importanti dell’amministrazione.

• Presenza costante di Sindaco, Giunta e Consiglieri disponibili a raccogliere istanze e rispondere alle problematiche della cittadinanza.

• Revisione delle procedure amministrative per rendere più efficiente il lavoro degli amministratori e degli uffici comunali.

Proseguirà la riorganizzazione degli uffici comunali avviata in questi 5 anni per migliorarne l’efficienza, la qualità e la produttività utilizzando a pieno a tal fine anche l’istituto della mobilità.

• La nomina di una Commissione Paesaggistica composta da professionisti non operanti nella zona per evitare possibili conflitti d’interesse, al fine di garantire trasparenza ed imparzialità.

Uffici comunali

• Proseguirà la riorganizzazione degli uffici comunali avviata in questi 5 anni per migliorarne l’efficienza, la qualità e la produttività utilizzando a pieno a tal fine anche l’istituto della mobilità.

•Comprensorio: il progetto “Terra di Franciacorta” (avviato nel 2012 cui aderiscono il nostro e altri 17 comuni della Franciacorta) prevede aree di intervento molteplici quali: mobilità e viabilità, energie rinnovabili, valorizzazione del patrimonio artistico-enogastronomico, tutela dell’ambiente e qualità della vita.

 

Guarda cosa è già stato fatto:

 

Amministrazione

LA NUOVA IMU - ASSISTENZA COMUNALE 2013 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

POLIZIA LOCALE Dicembre 2012 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

Uffici comunali

RIORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI COMUNALI Dicembre 2013 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

UFFICI COMUNALI Dicembre 2012 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

LA RIORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI COMUNALI Dicembre 2010 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

Assemblee

ASSEMBLEA PIANO DEL TRAFFICO Dicembre 2012 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

ASSEMBLEA RACCOLTA RIFIUTI Dicembre 2010 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

II – Servizi Sociali e Assistenza

postato in: Il Programma | 0

Va perseguita un’assistenza specifica per coloro che ne hanno reale bisogno evitando inutili sprechi.

 Sostegno al nuovo progetto avallato dall’amministrazione coordinato dalla Caritas parrocchiale “La pietanza non avanza” (recupero delle eccedenze alimentari dalle mense scolastiche per le persone indigenti) partito in via sperimentale il 5 maggio 2014

• Monitoraggio costante delle fasce più deboli.

Partecipazione attiva al Piano di Zona per accedere ai finanziamenti pubblici, progettare azioni, condividere interventi per sostenere le persone in condizioni bisognose.

•Rivedere il servizio comunale di assistenza secondo le nuove esigenze.

• Sostegno al nuovo progetto avallato dall’amministrazione coordinato dalla Caritas parrocchiale “La pietanza non avanza” (recupero delle eccedenze alimentari dalle mense scolastiche per le persone indigenti) partito in via sperimentale il 5 maggio 2014.

Attivazione di un Tavolo di Consultazione delle associazioni socio-assistenziali necessario per rispondere ai bisogni della collettività.

• La continuazione del progetto “Salute in Comune” in collaborazione con l’Asl per pianificare e realizzare le strategie che consentono di migliorare la qualità della vita ed il benessere dei cittadini.

• Asilo Nido: dopo un positivo periodo di sperimentazione il servizio andrà ottimizzato per rispondere alle esigenze delle famiglie.

 

Cosa è stato fatto in questi anni:

 

Asilo Nido Comunale Aprile 2014 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

Servizi Sociali - il Lavoro svolto Aprile 2014 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

Servizi Sociali  Dicembre 2013 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

Assistenza Dicembre 2010 (Tratto dal notiziario del Comune di Cologne)

 

 

1 2 3 4 5 6 19